venerdì 11 gennaio 2013

Eccoci qui, in questo inizio di anno così pieno di aspettative e incertezza e per questo denso di trepidazione,

nasce Fili, Trame e Colori

Le abbiamo dato forma di Associazione perchè sia un contenitore aperto a chi voglia condividere tempo ed esperienza con noi nelle arti tessili.
 

Il simbolo che ci è venuto in mente è il cardo dei lanaioli, perchè qui si amano le piante - tutte! - anche quelle rustiche e semplici che ci troviamo intorno a bordo strada e magari non sappiamo che raccontano storie antiche; e il cardo è una di queste, ben prima dell'arrivo delle macchine era prezioso e coltivato per appunto cardare le fibre naturali, e intrecciato formava recinti spinosi per proteggere le pecore dai lupi durante gli spostamenti tra i pascoli... non si poteva scegliere un'erba più adatta!
 
 
Il manifesto dei nostri intenti è più o meno questo:
 
  ...Far circolare la conoscenza di antichi mestieri artigiani evitando mode e sentimentalismi ma con lo scopo di riappropriarsi di competenze preziose e utili ad arginare il consumismo, la produzione di massa e forme di inquinamento morale e materiale, organizzando mostre, fiere, corsi e laboratori.

  ...Riscoprire, recuperare e diffondere la filiera corta e biologica delle fibre tessili in modo particolare della lana, con lo scopo di recuperare un prodotto che ad oggi viene smaltito come rifiuto ma che invece possiede enormi qualità e possibilità di utilizzo, anche perchè no raccogliendo le lane presso allevatori locali.

...Condividere le  lavorazioni artigianali delle fibre tessili e la conoscenza dei colori naturali.

...Provare a recuperare e coltivare piante tintorie anche grazie a tutte le collaborazioni con coltivatori locali, enti ed università, che il cammino ci porterà.. le sinergie tra persone appassionate, associazioni, cooperative e altre realtà del settore tessile saranno preziosi strumenti.
 
 
 
Su questo diario racconteremo idee, sogni programmi ed esperienze, mano a mano che verranno, sperando che tanti  vogliano partecipare a questa avventura, e crescere insieme, tra velli, carde, ruote, fusi, calderoni con foglie, fiori, bacche, legni e tutto quanto Flora ci vorrà far provare.
 
Buon viaggio,
 
 
 Stefania&Federica
 
 

2 commenti:

  1. Una migliore compagna di viaggio non la potevo scegliere

    Federica

    RispondiElimina
  2. Brave, brave, brave!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Anna Maria

    RispondiElimina